Il Marmo

Tu sei qui

L'oro bianco delle Apuane

Il marmo: patrimonio naturalistico e grande industria delle Alpi Apuane.

A vederle dalla costa sono uno spettacolo. Sono le Alpi Apuane, inconfondibili cime nude e aguzze che fanno da quinta scenica alle colline lunensi e con scultorea monumentalità si dividono il panorama con le più verdeggianti forme dell’Appennino.

È il marmo, unico al mondo per purezza e brillantezza, a rendere celebri questi monti. Furono i Romani, più di due millenni fa, ad accorgersi per primi dell’ineguagliabile qualità della pietra apuana, fondando in questa provincia, la colonia di Luni che con il suo porto chiudeva il ciclo di estrazione e commercio del pregiato marmo: da questa insenatura a forma di mezza luna ne partivano navi cariche verso Roma e verso il mondo allora noto. Fu poi il Rinascimento e il genio di Michelangelo a rendere il marmo bianco di Carrara sinonimo assoluto di scultura.

Sono molteplici e assai diversi i percorsi alla scoperta della storia, della natura e dell’arte che in questo marmo trovano origine e ragione: una visita agli scavi archeologici di Luni, al Museo del Marmo di Carrara o ai numerosi laboratori artigiani che ancora oggi portano avanti questa raffinata arte, potranno senza dubbio farvi comprendere il forte legame che unisce questa terra e la sua gente al marmo di queste cime. 

L'INDUSTRIA E LA VITA INTORNO AL MARMO

Ma è immergendosi nell’eccezionale paesaggio delle Alpi Apuane, in cui la natura selvaggia dei pascoli e delle praterie si alterna alla magnificenza controversa e combattuta delle grandi cave, che potrete cogliere i più intimi segreti di questa terra. Sarà possibile conoscere i processi di escavazione, lavorazione e trasporto del marmo, assistendo magari alle suggestive rievocazioni storiche della lizzatura, sarà sorprendente la vista delle maestose infrastrutture realizzate nel periodo industriale, come la ferrovia marmifera a Ponti di Vara, sarà bello ammirare antichi bassorilievi nelle Cave dei Fantiscritti e installazioni contemporanee realizzate direttamente sulle pareti rocciose delle Cave di Morlungo. Sarà una gioia assaporare il Lardo di Colonnata che per secoli ha accompagnato i poveri pasti dei cavatori e che oggi è diventato simbolo gastronomico dell’intera area apuana.

ALPI APUANE E IL PATRIMONIO NATURALISTICO

Ma le Alpi Apuane sono anche uno straordinario patrimonio naturalistico, protetto da un Parco Regionale, in cui poter usufruire di una fitta rete di sentieri da percorrere a piedi o a cavallo, lungo crinali spartiacque che dividono la Lunigiana interna dalla costa e spingono lo sguardo, da un lato, verso verdi colline, in un susseguirsi di borghi e castelli e, dall’altro, verso l’ammiccante luccichio del mare, dal quale si scorgono le isole dell’Arcipelago Toscano in lontananza. 

Se poi amate gli sport estremi e il brivido del volo, non perdete l’occasione di un’arrampicata di free climbing sui ripidi versanti delle montagne o la possibilità di sorvolare questo straordinario paesaggio con un deltaplano o un parapendio, insieme alle tante poiane che volteggiano su queste cime.

La redazione consiglia


Articoli, itinerari e consigli di viaggio dalla redazione di Trame di Lunigiana

Potrebbe interessarti

Viaggia con noi

punto-panoramico-campocecina-paolo-maggiani-2015
A piedi sul marmo